• Phone: 027533125
  • Email: info@seoclick.it

Qual è la difficoltà nel calcolare la link building

Si è capito che non c’è modo di misurare il ritorno sull’investimento (ROI) del link building. Ma alcuni dicono che è possibile misurare.

Difficoltà di misurare i risultati di Link Building

Si presume comunemente che l’obiettivo di creare collegamenti sia quello dei collegamenti. Ma il vero obiettivo della costruzione di link sono le vendite.
I collegamenti non sono l’obiettivo finale. I collegamenti sono i mezzi per raggiungere l’obiettivo finale, ovvero le vendite.
Ecco perché, secondo me, le strategie di collegamento virale sono sempre state tra le peggiori tattiche di collegamento.
I collegamenti virali, in cui qualcuno crea contenuti attorno a un’acrobazia, contenuti divertenti, scandalosi o che suscitano timore reverenziale in genere si traducono in un’enorme quantità di collegamenti se eseguiti correttamente.
Ma i collegamenti non sono direttamente pertinenti all’argomento di un sito Web e non sono pertinenti all’obiettivo di creare vendite.
Un esempio di contenuto acrobatico è quando un’azienda crea un’attività o un evento “il più grande del mondo” o “il più brutto del mondo”. Ma il contenuto di acrobazie virali si traduce in collegamenti irrilevanti per l’azienda e quasi mai si traduce in un aumento della classifica perché i collegamenti sono al 100% fuori tema.
Rendere l’obiettivo quantità finale di collegamenti è un modo scarso per misurare il successo. La misura del successo della costruzione di collegamenti è la quantità di vendite che è aumentata dall’inizio dell’attività di costruzione di collegamenti.
Quindi, se vogliamo introdurre il ROI nell’attività di link building, ovviamente deve essere focalizzato sulle vendite. Le vendite sono il “Ritorno” a cui fa riferimento la frase “Ritorno sull’investimento”.

Google è una scatola nera

Come può una persona attribuire direttamente con la certezza del 100% che un determinato link o venti o cento link sono responsabili di un cambiamento nelle classifiche?

C’è un sipario tra noi e Google.

Vediamo cosa viene visualizzato (nei risultati della ricerca) ma non vediamo cosa ha causato il risultato.
In termini reali, non possiamo dire che un collegamento specifico abbia avuto un risultato specifico.
A meno che tu non abbia creato un solo link, è possibile affermare che l’unico link ha causato un aumento delle vendite.
Sebbene non sia possibile correlare un collegamento o un gruppo di collegamenti con l’accuratezza di qualcosa come pay per click, ci sono ancora modi per attribuire l’attribuzione.
Allo stesso modo, se costruisci cinquanta o cento collegamenti, se il sito inizia a classificarsi meglio, le probabilità sono che i collegamenti siano responsabili.
A quel punto, quando il sito inizia a classificarsi, il ROI sarà scarso perché le vendite non sono state all’altezza del costo da pagare per quei collegamenti.
Ma dopo un certo punto che l’equazione cambia e ciò che hai pagato per ottenere quei collegamenti (e contenuti), il ROI inizia a volgersi a favore del generatore di collegamenti e man mano che le vendite continuano ad arrivare, il ROI è sempre migliore.

#