• Phone: 027533125
  • Email: info@seoclick.it

Quali sono le differenze tra i tag noindex e nofollow?

Noindex

La direttiva noindex è un valore spesso utilizzato in un meta tag che può essere aggiunto al codice sorgente HTML di una pagina Web per suggerire ai motori di ricerca (in particolare Google) di non includere quella particolare pagina nel suo elenco di risultati di ricerca.
Per impostazione predefinita, una pagina Web è impostata su “indice”. È necessario aggiungere una direttiva una pagina Web nella sezionedell’HTML se non si desidera che i motori di ricerca eseguano la scansione di una determinata pagina e la includano nelle SERP ( Pagine dei risultati dei motori di ricerca).

Quali sono esempi di pagine che dovrebbero essere impostate su “noindex”?
Pagine di ringraziamento: se includi moduli di acquisizione di lead sul tuo sito Web, come “Contattaci” o “Pianifica un appuntamento”, probabilmente indirizzi gli utenti dai tuoi moduli Web a pagine di ringraziamento univoche una volta che un utente invia un modulo. Avere pagine di ringraziamento uniche per ogni modulo è la migliore pratica per monitorare gli obiettivi e inviare proposte sul tuo sito Web, ma non vuoi che i visitatori arrivino sulle tue pagine di ringraziamento perché sono inclusi nell’indice di Google! Un visitatore dovrebbe arrivare sulle tue pagine di ringraziamento solo dopo aver completato il tuo modulo web. L’impostazione delle pagine di ringraziamento su “noindex” contribuirà a impedire che tali pagine vengano incluse nelle SERP.
Pagine riservate ai membri – Se hai una sezione del tuo sito Web dedicata ai tuoi dipendenti o membri dell’organizzazione, ma non desideri che tali pagine Web siano accessibili al pubblico o ai motori di ricerca, la direttiva “noindex” contribuirà a impedire che tali pagine vengano trovato in SERP.

Nofollow

La direttiva nofollow è un valore spesso utilizzato in un metatag che può essere aggiunto al codice sorgente HTML di una pagina Web per suggerire ai motori di ricerca (in particolare Google) di non trasferire l’equità dei collegamenti attraverso i collegamenti su una determinata pagina Web.

I link sono una parte importante dell’ottimizzazione dei motori di ricerca, anche se gli esperti sostengono continuamente quanto sia importante il ruolo dei link nella classifica generale. Sappiamo che i collegamenti da siti Web esterni e autorevoli contribuiranno a rafforzare la credibilità e il posizionamento del nostro sito Web. Anche i link interni sono utili! Aiutano gli utenti e Googlebot a navigare attraverso il tuo sito Web e collegare idee importanti insieme.

Per impostazione predefinita, i collegamenti sono impostati su “follow”. Impostare un collegamento su “nofollow” in questo modo: Anchor Text se si desidera suggerire a Google che il il collegamento ipertestuale non deve trasferire alcun valore di equità del collegamento / SEO al target del collegamento.

Quali sono esempi di collegamenti che dovrebbero essere impostati su “nofollow”?
Nessun indice Nessun follow
Link nei commenti sul blog – Se hai dedicato del tempo a scrivere un prezioso post sul tuo sito Web, non vuoi che un concorrente o un link spammer sia in grado di aggiungere un commento inutile al tuo post sul blog con un link al suo sito Web che dice qualcosa come “Ottimo blog. Ho anche scritto un blog su questo argomento caldo ”e includo un link alla sua pagina web in modo che tragga beneficio dal link che quella persona ha appena aggiunto dal tuo sito Web al suo. Se quel link è impostato su “nofollow”, uno spammer può dirlo in anticipo e potrebbe non preoccuparsi di aggiungere un commento “Great blog” al tuo post sul blog sapendo che non c’è alcun valore SEO da guadagnare nel farlo.
Link a pagamento – Un’altra tattica SEO che ha guadagnato popolarità nella comunità SEO blackhat è l’acquisto di massa di link sul Web. I proprietari di siti Web con una pagina di sponsor sul proprio sito, potrebbero scegliere di includere loghi e collegamenti sul proprio sito Web di sponsor di eventi, ma utilizzare il metatag “nofollow” per ciascun collegamento nella pagina di sponsor per indicare a Google che non possono garantire per ciascuno sito web dell’organizzazione a cui si è collegati. Tieni presente che, sebbene i collegamenti “nofollow” non siano intesi a fornire una spinta SEO ai contenuti collegati, i collegamenti sono comunque preziosi per l’esperienza dell’utente e il traffico di riferimento.

#