• Phone: 027533125
  • Email: info@seoclick.it

SEO audit, cos’è?

Il SEO audit è un’analisi per studiare un sito web sotto il punto di vista tecnico, contenutistico e strutturale. Un audit permette di individuare le aree in cui intervenire sul sito e le eventuali migliorie da eseguire per migliorarne l’indicizzazione e il posizionamento. L’analisi prende in considerazione diversi aspetti del sito quali URL, Title, menu di navigazione e tanti altri parametri.

Un audit SEO si può paragonare ad un check up medico completo, diagnosticando i problemi si possono individuare le cause di una malattia e prescrivere le giuste cure.

L’audit può anche essere un’ottima occasione per l’azienda per fare il punto della propria strategia di comunicazione digitale. In un mercato in cui la complessità di domanda e offerta si incontrano come quello digitale fare un audit completo porta solo vantaggi.

Analisi del sito web, quando farla?

I siti web devono essere oggetto di monitoraggio costante, soprattutto quando vengono utilizzati come strumenti di comunicazione e di marketing.

La situazione ideale di un audit Seo coincide con la realizzazione del nuovo sito web. Ad oggi è impensabile sviluppare un sito senza che questo venga strutturato ottimamente in ottica SEO. L’alberatura di un sito non giova soltanto all’utente finale ma, un’alberatura studiata ed ottimizzata, viene premiata anche dagli spider dei motori di ricerca.

Il rifacimento di un sito è anche un’ottima occasione per studiare e reinterpretare il livello di domini e la struttura delle pagine dello stesso, sempre per essere premiati dai motori di ricerca. Questo è un aspetto fondamentale per chi investe anche nei mercati esteri, siti con dominio .com, siti organizzati con sottocartelle .it/en per le lingue estere, sono da valutare insieme ad un consulente SEO.

Un’analisi così approfondita è utile anche agli sviluppatori del sito e permette di rendere il sito più friendly possibile agli occhi dei motori di ricerca.

Ulteriori situazioni in cui è necessario un seo audit.

 

Migrazione del sito

La migrazione di un sito web è un’attività complessa la quale rischia di compromettere il lavoro svolto in precedenza, molte volte i clienti migrano in autonomia i loro siti senza però avere le conoscenze necessarie e rovinando il lavoro svolto, perdendo il trust guadagnato, quindi si vedono costretti a rivolgersi ad un consulente seo per risolvere i problemi rilevati, come ad esempio pagine in 404 o link rotti.

Per controllare se la migrazione è avvenuta correttamente si deve verificare l’indicizzazione del sito tramite il comando di Google site: .

Se non ci sono gravi errori nell’indicizzazione vista tramite Google si deve passare ad un’analisi degli errori che si hanno con i crawler. In questa fase bisogna fare attenzione agli errori 3xx (errori di reindirizzamento) 4xx (errori di link rotti) e 5xx (errori del server), questo è un passaggio fondamentale che può compromettere la visibilità del sito stesso.

Nei giorni successivi alla migrazione bisogna controllare altri parametri di posizionamento, l’andamento del traffico, i posizionamenti delle pagine e i vari alert che Search Console ci segnalerà.

Analisi SEO per un nuovo sito

Prima di creare un nuovo sito bisogna sempre studiare i competitor con i quali andrà a competere il sito quando sarà online. Bisogna quindi effettuare un’analisi delle parole chiave, del traffico che arriva ai siti e la link popularity. Questi dati andranno poi confrontati con i 5 migliori competitor sulla SERP.

Oltre a ciò vanno studiati i testi dei competitor, le componenti di codice che per i motori di ricerca hanno più importanza e controllare se nello svolgimento del sito i contenuti sono stati duplicati o sono stati creati contenuti di bassa qualità. Il tutto deve essere pensato ed ottimizzato per le ricerche svolte dagli utenti.

La struttura tecnica del sito e il codice devono avere le stesse attenzioni che vengono date ai contenuti, devono essere corretti errori e sviste prima che il sito sia messo online. È bene ottimizzare sin da subito i file sitemap.xml e robots.txt e la velocità del sito, quest’ultimo è un fattore da non sottovalutare assolutamente quando viene sviluppato un sito.

 

Per controllare se il tuo sito è ottimizzato o ha perso posizioni in seguito ad una migrazione contattaci subito

#